Vanityfair.it – Dieci cose da sapere per prolungare la durata di una piega

Evitare di pettinarli a testa in giù sotto la doccia e mai utilizzare l’aria troppo calda in fase di asciugatura. Piuttosto aggiungere un risciacquo in più con acqua tiepida fino a sentire che i capelli «scricchiolano» tra le dita. Avete presente? Ecco le dieci regole d’oro per avere una piega di successo
Dedicato a tutte quelle convinte che «Cinque minuti che finisco di asciugarmi i capelli e sono prontissima» e poi si ritrovano, invece, in testa una piega non sense per almeno tre giorni. E non c’è lacca forte o asciugacapelli agli ioni che possa rimediare al disastro. Il motivo? Una hair routine che parte sbagliata già dallo shampoo. Insieme a Matteo Modola, trainer Jean Louis David abbiamo ripercorso le tappe per arrivare all’ultimo colpo di spazzola con successo.

Capelli: come combattere l’effetto crespo

1- I prodotti giusti per la detersione: «Per una buona durata dello styling è molto importante detergere bene i capelli scegliendo i prodotti più indicati: lo shampoo e la maschera devono essere adatti al proprio cuoio capelluto e ai capelli (idratanti, purificanti, rinforzanti, ridensificanti).

Insomma, come si fa quando ci si prende cura della pelle usando le creme appropriate».

2- L’importanza del risciacquo: «Dopo aver deterso bene i capelli con un massaggio del cuoio capelluto eseguito con i polpastrelli e dopo averli districati bene post maschera, il segreto perché non restino pesanti e non mettano in crisi la piega, è risciacquarli fino a quando i capelli “scricchiolano” tra le dita. Questo è il segnale che non sono rimasti residui di prodotto sullo stelo capillare».

3- Quando si lavano i capelli, usare acqua tiepida: «L’acqua molto calda è deleteria perché apre le cuticole, opacizza la struttura capillare e, sui capelli grassi, stimola ancora più velocemente la ghiandola sebacea a produrre sebo. Per le più audaci, un risciacquo finale con l’acqua fredda dà il massimo della lucentezza».

4- Come si pettinano sotto la doccia: «Evitare di lavare i capelli e pettinarli a testa in giù perché, in questo modo, si lavora contro cuticola: le squame che compongono il fusto capillare sono aperte e fanno annodare ulteriormente i capelli. Pettinateli allora dalle radici alle punte con un pettine a denti larghi, in legno, che non crea attrito con i capelli come fa la plastica».

5- La pre asciugatura: «La pre-asciugatura è fondamentale per dare la forma finale allo styling e va eseguita in base al taglio se corto o lungo, se pari o scalato, se asimmetrico o con ciuffi importanti, la pre-asciugatura può donare volumi, dare da subito la direzione e quindi impostare la buona riuscita della piega finale. Per dare volume, che sia corto o medio il taglio, l’ideale è prendere tra le dita delle grosse ciocche e asciugarle portandole prima verso destra poi verso sinistra in modo da sollevare le radici. Sui capelli lunghi, si può procedere a testa in giù ma quando si asciuga il lato destro si gira la testa verso sinistra e viceversa per avere maggiore volume, mentre per aver un ciuffo alto è ideale asciugarlo nel lato opposto alla direzione finale».

6 – I prodotti di pre-styling: «Sono essenziali quando si vuole avere la massima tenuta della piega. I prodotti di pre-styling, che si usano sui capelli bagnati, possono aiutare ad avere più volume alla radice (spuma), togliere il crespo (crema disciplinante), disciplinare la capigliatura, gestire l’effetto onda o mantenere un liscio extra».

7- I prodotti di styling: «I prodotti post-styling invece aiutano a evitare che l’umidità penetri nei capelli cambiandone la forma. Anche in questo caso vanno scelti in base al tipo di capelli e del risultato che si vuole ottenere».

8- Non lavarli la sera: «Se è possibile, meglio lavare i capelli sempre al mattino e non la sera prima di andare a dormire perché, con lo sfregamento del cuscino, i capelli perdono subito la forma e c’è anche il rischio, se non si asciugano completamente, che andando a dormire con i capelli umidi prendano forme strane che poi il mattino diventa difficile gestire se non bagnandoli e riasciugandoli».

9- Lasciare raffreddare i capelli per memorizzare la forma data: «Quando si è finita la piega, l’ideale è aspettare qualche minuto prima di indossare cappelli, sciarpe o maglioni con colli alti perché farebbero prendere ai capelli una forma diversa da quella data. Fino a quando il capello non si raffredda totalmente non memorizza la forma».

10- Spazzola e phon: scegliere quelli giusti in base a quello che su vuole ottenere: «Anche gli strumenti sono importantissimi: evitare il phon con aria molto calda, piastre e arriccia capelli a temperature molto alte – preferire i bigodini grossi una volta che si è data la forma per fare memorizzare al capello l’effetto finale. Per chi ama il liscio sono ideali le spazzole piatte che schiacicano bene le cuticole. Attenzione che le spazzole tonde e i pettini siano di materiali di ottima qualità, per evitare si spezzare i capelli».